giovedì 15 giugno 2017

Ti ricordi?





Ti ricordi quando riuscivamo a fugare le preoccupazioni ed i pensieri e pensavamo alle vacanze? So che lo ricordi. Abbiamo avuto problemi enormi legati a tutte le case nelle quali abbiamo vissuto, ed in parte anche per questi in estate fuggivamo. Prima da soli, e poi con nostro figlio. Fuggivamo da situazioni insostenibili, ma abbiamo vissuto esperienze uniche, solo nostre, segreto che morirà con noi.

La vita delle persone, di tutte, è piena di scelte e di situazioni che anche gli amici non sanno. La vita di una coppia, con i suoi alti e bassi, è un micromondo autosufficiente, che si autoalimenta di idee, progetti, aperture e chiusure verso il mondo esterno, e di tantissimi sogni, messi da parte per il futuro.

Ora il nostro futuro si è interrotto, dobbiamo ripensarlo, viverlo separatamente, il fatto è noto per chi legge questo blog almeno un po’ ogni tanto.  Io devo ripensare alla mia vita, a tutta la mia vita che mi resta. Chi è abituato a stare da solo non ha questi problemi, ne ha altri. Noi abbiamo fatto la scelta di condividere, e se avessimo avuto un po’ di fortuna ora staremmo ancora assieme, a litigare, discutere, decidere chi dei due parlava a nostro figlio, ed ora forse penseremmo a dove andare in vacanza, e discuteremmo a lungo pure di questo.

Un destino (per me stronzo) ha deciso diversamente. Me ne devo fare una ragione. Me la sto già facendo, tento di reagire ogni giorno nel modo migliore, ma la soluzione non è dietro l’angolo, non la trovo in poche settimane. Anche ammesso io abbia sbagliato ad essere troppo selettivo, non è che da domani io possa cambiare carattere, come per magia, oppure che ti dimentichi, e inizi istantaneamente una nuova storia. Oltretutto ora non mi interessa neppure nessuna nuova storia.

Ma ti ricordi quello che abbiamo costruito, in qualche modo, grazie all’impegno di entrambi? Quello so che lo ricordi. Ed io ora mi arrangerò, troverò altre soluzioni, senza escluderti, cercando di diventare più forte, aggiungendo al mio carattere la tua forza di volontà mostruosa. Di quella me ne hai lasciato un po’. Mi hai impregnato. Io ormai vedo più spesso alcune persone. Molte mi lasciano abbastanza indifferente, ma ogni tanto ne trovo qualcuna diversa. Devo solo aspettare. Anche io posso benissimo imparare a stare da solo, ma con la tua presenza costante a sorreggermi nei momenti di crisi.

Ho bisogno degli altri? Certo, come quasi tutti. Ora tocco con mano questa ovvietà. Anni fa ignoravo questa possibilità, e sbagliavo. Molti anni prima di incontrarti, ricorderai, ero diverso ancora. Stavo sempre tra la gente, ma non era la gente che cercavo. Io cercavo te (e non sapevo né come, né quando né se ti avrei incontrata). Come del resto tutta la gente non faceva altro che cercare altra gente. E tra tanta gente alcune erano anche persone, con le quali si è condiviso una parte del percorso della vita.

Non sarò facile, ma dovremo farcela. Ciao, Viz.



                                                                        Silvano C.©  
 (La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari di sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana