venerdì 25 settembre 2015

liberi di non avere



 
Il pensiero di sbagliare quasi ogni cosa assale a tradimento. Poi è impossibile scrollarsi facilmente di dosso i sensi di disagio e di colpa; occorre aspettare, rimuoverli con delicatezza, senza far danni e ottenere cocci sparsi ovunque.
Non è chiaro quanto possa essere salutare coltivarlo troppo; sicuramente ignorarlo completamente, oltre che difficile, è anche segno di eccessiva leggerezza.

Tra il dar peso eccessivo alle cose e il puntare esclusivamente sulle persone occorre un equilibrio, che ognuno realizza secondo la propria sensibilità, intelligenza, fortuna e circostanze della vita. Ad esempio cosa fa sentire realizzati, in fondo? Cosa permette di non aver rimpianti, di non pentirsi di ciò che si è fatto o non fatto? E le assenze, le vere perdite, non sarebbero arrivate in ogni caso? Il campo del possibile è talmente vasto che non ha senso sondarlo tutto. Quello che appare è già talmente destabilizzante, in alcuni momenti, che conviene tenere sotto controllo questa umana tendenza alla introspezione, allo scavare, al volere cause ed effetti (cose ed affetti).

Secondo una certa impostazione mentale, legata a meditazione, filosofia, autoanalisi ed autocontrollo, nessuno è in grado di aiutare gli altri se prima non aiuta sé stesso.  Una sorta di generoso egoismo, una consapevolezza di star bene e quindi di poter essere vicino a chi ha bisogno.

La cosa è difficile da realizzare, ovviamente. Nulla è mai a portata di mano senza contropartite. Ad esempio si innesca, o si può innescare, un meccanismo di feedback, sia positivo che negativo, dipende dalle situazioni.
Chi si sente in stato di bisogno, avverte carenze di tipo materiale ed invidia il prato del vicino difficilmente ha un atteggiamento equilibrato. Si ha un bel dire che contano le persone, verità incontestabile, ma se tra le persone ci si sente a disagio, magari pure tra gli amici, le persone a quel punto non possono avere il ruolo che spetterebbe loro.

È estremamente triste lamentarsi oltre una certa misura di quanto non si ha e si vorrebbe avere. Innanzitutto perché, di fronte alle tragedie epocali che stiamo vedendo ogni giorno, si dovrebbe solo tacere. Poi perché lamentarsi non aiuta, anzi, tendenzialmente allontana gli altri. Infine considerando che è del tutto inutile, molto meglio tentare di risolverli i problemi, invece di raccontarli. Quindi, volendo evitare di lamentarsi, si rischia di fare come l’animale ferito che si nasconde, cerca un riparo, in attesa di riprendersi, ma intanto si rifiutano le persone perché mancano le cose.

In una diversa ottica la vita è costituita di un insieme di cicli, che in parte si ripetono, in alcuni casi si accavallano, ma sostanzialmente attraversano varie fasi durante le quali siamo più forti o più vulnerabili, più ottimisti o più pessimisti, più o meno disponibili.
Forse è solo così, una meccanica di combinazioni, e la nostra tanto illusoria libertà si ricava uno spazio di facciata, giusto per le apparenze.


                                                                                                        Silvano C.©   


(La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari da sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana