mercoledì 9 agosto 2017

non arrendersi mai




È cominciata così. Pensavo di dover realizzare troppe cose e non avere mai tempo per nulla. Sognavo una giornata di 25 o 26 ore. Nulla di più sbagliato, ma allora non lo sapevo.
Non sarei stato soddisfatto neppure se avessi avuto giorni di 30 ore, mi sarebbe sempre mancato il tempo per altre iniziative o per ultimare progetti, sempre troppi.
È nel nostro destino comune non poter mai dire la parola fine su nulla e nell’essere solo uno dei tanti anelli di una catena complessa, che non è neppure una catena – ad una dimensione - ma una rete. Anzi neppure una rete - a due dimensioni – ma una struttura ad almeno tre dimensioni, forse quattro, e magari non bastano neppure quelle. Siamo piccoli, siamo poco. Una formica operaia cosa concluderebbe in più nel formicaio se avesse due ore in più?

Così è cominciata. Ed è durata molto, molto a lungo, quasi sino a ieri. Da quando tu te ne sei andata ho dovuto fare i conti con la vita che davo come definita, racchiusa in uno spazio a suo modo completo. Potevo pensare a mille interessi ma tu eri il mio divisore comune, l’unità di misura, il modello col quale confrontarmi e scontrarmi. Tu c’eri.

Tu ci sei ora, in ogni caso. Non fisicamente, ma altrimenti non so stare. Sino ad oggi ogni mia azione si è uniformata a quanto sentivo venirmi da te. Non intendo né potrei sostituirti, perché nessuno è sostituibile mai. Aggiusto spesso il tiro, il bersaglio che intendo colpire si muove, io stesso muto e tu ti snaturi e cambi a tua volta; mi costringi ad adattarmi a situazioni nuove, con te in forma diversa. Ad esempio pensavo prima a quello che mi hai insegnato, con i fatti: non bisogna arrendersi mai.

Esattamente come un atleta impegnato nella staffetta che prima di passare il testimone tenta di dare tutto il possibile alla sua squadra. Assomigliando a quell’anello di una catena, rete o chi sa cosa, che, sino alla fine, è parte di un progetto che va oltre di lui. Consapevole che dopo di me altri verranno, e continueranno quello che ho contribuito a costruire, magari demolendo ma continuando.
Anche alla fine, sapendo o intuendo che non si potrà vedere il risultato, probabilmente col dolore che ci vuol bloccare, forse con la disperazione o anche con la paura, ora non saprei dirlo, non bisogna arrendersi mai.

Ed allora io continuo a fare le solite cose e altre ne aggiungo di nuove. Cerco di soddisfare alcuni bisogni (non solo miei) e mi adatto alla mancanza di una tua parola al momento giusto. Sentirla dentro non è come ascoltare il suono della tua voce. A volte temo di perderla.
E tu, che ogni tanto prendevo in giro pensandoti debole, ora starai sorridendo.



                                                                        Silvano C.©  
 (La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari da sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana