lunedì 7 agosto 2017

la cena




Da dove iniziare è sempre la prima cosa che mi chiedo, quando ho il tempo di chiedermelo e non parto d’istinto o per un bisogno che non ammette altre scelte. Sarebbe una cosa ragionevole farlo per abitudine, perché riflettere non fa mai male e cedere al primo impulso a volte mi ha messo in situazioni problematiche. Ed allora questa volta parto dalla fine di quella giornata, dalla cena, che fu perfetta.

L’orzetto, dopo quella volta, ho imparato a cuocerlo molto meglio, eppure anche allora fu speciale. Le verdure erano al punto giusto mentre l’orzetto invece non era ancora cotto come si deve, e dire che era al dente non rende l’idea. Era duro, quasi crudo, lo ammetto. Eppure fu una cena perfetta.

Il vino non era speciale. A quel tempo compravo ancora bottiglie di vino locale tappo corona o tappo vite, non certo il meglio. Era un vino da supermercato, rosso, per bevitori forti ma senza grandi pretese. Io poi non sono mai stato un bevitore forte e, semplicemente, non ero abituato a comprare vino migliore, più costoso. Magari è meglio bere di meno ma di migliore qualità, ho capito in seguito, mentre allora bevevo per fortuna poco, ma di bassa qualità. Eppure la cena fu perfetta.

Non apparecchiai secondo le regole. Quel tavolo era anche la mia scrivania e un piano di lavoro, quindi misi una tovaglia piccola a ricoprirlo solo per metà, lasciando libri ed altre cose sulla parte rimanente. Ma eravamo solo in due, non serviva tutta la superficie, e la cena risultò assolutamente perfetta.

Avrei potuto mettere una candela, per creare una diversa atmosfera, e spegnere la luce centrale un po’ troppo fredda ed invadente, non regolabile. Non ero organizzato per questo, o non ci pensai, ora un po’ alcuni particolari li ho persi negli anni. Anche adesso però ricordo che quella cena, il giorno precedente il mio compleanno, fu perfetta.

Cucinai come al solito, niente di speciale, e, a parte l’orzetto come primo, ora non saprei dire con certezza cosa preparai per secondo. Non feci nemmeno pulizie particolari in quella cucina-soggiorno riscaldata, in inverno, solo da una stufa a legna e carbone che lasciava sempre un po’ di polvere nera e cenere attorno. Era un ambiente caldo nella sua semplicità quasi spartana, e la cena di quella sera per me fu perfetta.

In seguito mi confessasti che in effetti quell’orzetto non era cotto come avrebbe dovuto, e che tu non apprezzavi molto la verdura a pezzettini. Avresti preferito che fosse passata.
Io però quella cena l’aspettavo da tempo, non saprei dire quanto. Non feci caso a questi particolari e quando riuscii a sedermi a tavola non vidi assolutamente nessun difetto in tutto quello che avevo preparato. Pensai ad altro. Pensai - o penso ora - che quella era finalmente la mia cena perfetta.


                                                                        Silvano C.©  
 (La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari da sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana