sabato 12 agosto 2017

cuore diviso




Sino ad alcuni mesi fa sintetizzavo un mio particolare sentimento di appartenenza e di legame nella considerazione di avere il cuore diviso tra i luoghi che amavo, e che questi erano due: Ferrara, dove sono nato ed ho vissuto nella prima parte della mia vita, ed il Trentino, dove vivo ora.

Recentemente mi sono reso conto che questo è un pensiero riduttivo. È troppo limitato legarsi ad un unico luogo (o anche a due), e inizio a pensare che sia pure sbagliato. Non intendo negare il giusto amore per il paese (o la città) che ci ha visto nascere, per la sua cultura e le sue tradizioni.
Ritengo naturale valorizzarne gli aspetti specifici in difesa di tutto ciò che lo rende unico, che si tratti di prodotti tipici, dei monumenti storici, del paesaggio o delle iniziative anche folcloristiche utili per richiamare turismo e contribuire così a mantenere viva l’economia locale. È tutto perfettamente corretto, perché le nostre radici sono e resteranno sempre importanti.
Il fatto è che mi sento sempre meno cittadino legato ad un posto particolare e, contemporaneamente, cresce in me la sensazione di essere non solo ferrarese e trentino, ma anche sardo, greco, carpigiano, piacentino, tedesco, francese, danese, olandese, inglese…
Qualche cosa è arrivata a farmi cambiare idea, a spostare i pensieri, ad allargare orizzonti ideali.

Da quando tu sei andata via per sempre, e non sei più fisicamente accanto a me, io ho perso parte degli interessi ai quali mi sentivo legato da sempre, o pensavo di essere legato. Un appartamento nel quale avevamo investito tanto (in molti sensi) ora mi preme di meno, molto meno. Rivedo con lo stesso piacere i posti dove sono nato, ma non sono più esclusivi come un tempo. Ora la mia terra è ogni luogo nel quale, anche solo parlandone, sono stato con te. Quella, un po’, è anche casa mia. Casa mia è anche dove è stato nostro figlio ed io non sono mai arrivato (noi non siamo mai andati).
Non oso dire che casa mia è il mondo, perché molte sue parti mi sfuggono, non le conosco, non le vivrò mai e probabilmente alcune non sarebbero adatte a me. Però casa mia è in tanti posti.

E poi sento che vi è un pericolo nascosto nel troppo amore per la propria terra, una possibilità, non certo una necessità o una conseguenza certa.
È possibile cioè trasformare in esclusione ed allontanamento dagli altri la difesa delle proprie tradizioni e della cultura a noi più familiare. Non è automatico che avvenga, ma può capitare.
Ad esempio si può esagerare al punto di smettere di essere curiosi di conoscere chi cucina, prega, legge e pensa in modo diverso, e cominciare a credere di essere noi gli unici ad avere dalla nostra la ragione e la storia. Si potrebbe arrivare dal razzismo inconsapevole all’ottusità indotta e pericolosa, incapace di avvicinarci alla soluzione corretta dei problemi difficili del nostro tempo di transizione con nuovi equilibri ancora da raggiungere e poi sedimentare, con generazioni in parte smarrite, in parte già in viaggio per altrove.

Il mio cuore resta diviso, certo, ma in tante piccole o piccolissime parti, e non so dirne il numero preciso. Malgrado ciò alcuni mutamenti fanno paura pure a me, non sono pronto ad accettarli anche se ormai sono in atto. La chiusura quasi automatica è un errore irrazionale che mi si presenta come buon senso. Spero che la curiosità mi salvi e mi auguro anche di ritrovarti nei luoghi dove siamo stati, oppure di poter pensare che in quei posti forse ti incontrerei.


                                                                        Silvano C.©  
 (La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari da sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana