venerdì 7 luglio 2017

c'è qualcosa che dovresti sapere






Prima di tutto devo dirti una cosa che devi sapere: tu non sei un’amica immaginaria. Potrai essere o non essere mille altre cose, ora che non vivi più nel mondo nel quale sono confinato io, ma non sei immaginaria e neppure una semplice amica. Forse io mi sogno di parlare con te, questo è possibile, forse so che tu resti solo dentro di me, possibile pure questo, ma non sei immaginaria.
Inoltre non serve che tu me lo rammenti. Io mi ricorderò sempre di te. Se, nel bene e nel male, sono quello che sono, lo sono anche e soprattutto grazie a te. 

Ti ho perduta, e forse ritroverò qualcuno, non lo so. La realtà è che queste frasi le ho fotografate oggi, al Mart di Rovereto, e mi sembravano adatte ad una riflessione. In qualche caso gli amici si ritrovano, in altri si perdono definitivamente.



La frase Ogni volta che mi pensi, muoio, un poco, sembra persino ironica, perché potrebbe essere l’esatto opposto. Se tu mi pensi, se lo puoi fare, mi mantieni vivo. E lo stesso simmetricamente vale con te. Pensandoti ti trattengo legata alla vita che non hai più, ti mantengo in ogni caso per me. E chiunque ti pensi riporta una parte di te, anche se nessuno lo può vedere, dimostrare, condividere, rendere effettivo e reale.

E del resto, se ora mi guardi, se lo puoi fare, se da qualche parte dello spazio e del tempo mi osservi, sai tutto, e certamente non ti posso più nascondere nulla. Fu/è vero amore? Fu/è un certo tipo di amore, uno dei tanti possibili, oppure esattamente quello, l’unico che merita il nome? Mi astengo dal rispondere; è solo una delle tante domande che mi faccio, di tanto in tanto.

In ogni caso, Viz, io vivo, conoscerò persone, ma non potrò certo conoscere tutte quelle che mi farebbe piacere conoscere; alcune non capirebbero. L’essere umano è particolare. Ci si incontra per mille motivi diversi, ma perché la cosa avvenga ed abbia un seguito di interesse reciproco, seppur minimo, servono le occasioni, e un bisogno più o meno consapevole. Tale bisogno può essere tra i più vari, anche limitato ad un fatto momentaneo, ma deve esistere, e con qualcuno questo non scatterà mai. Nel corso della vita ho capito che talvolta si inizia con parole o atteggiamenti sbagliati e da quelli poi non ci si potrà mai affrancare. Senza motivo si inizia chiudendo la porta.

Ora più di allora? A volte me lo chiedo, e sai a cosa mi riferisco. Forse no. Forse semplicemente ora capisco meglio, metto assieme tasselli che prima non mi serviva cercare e ricordare perché tu c’eri, presente. E ritrovo prove evidenti, e rimuovo il dolore, oppure lo rinnovo, se possibile, e lentamente lo trasformo.


                                                                        Silvano C.©  
 (La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari di sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana