lunedì 26 giugno 2017

amico immaginario

Informativa sulla privacy

So che quello che devo dirti un po’ ti farà male, ma credo che tu te lo aspetti già, almeno in parte, o che inizi a capirlo.

Tu non mi dimenticherai mai, e lo sai. Allo stesso tempo hai il dovere di vivere, se non altro per nostro figlio, e pure questo sai. Ti hanno detto che tu con lui non puoi prendere il mio posto, e intuisci da solo che è così. Il tuo ruolo è diverso. Quello che puoi e devi fare tu e ciò che dici sono diversi da quello che potevo fare e dire io. Sino a questo punto mi hai capita credo, non ti ho detto nulla di nuovo.

La cosa che ti farà male sentirti dire è che sono convinta che tu mi tratti da amico immaginario. Entro certi limiti è perfettamente corretto volere un dialogo che continua, un dialogo reale intendo, anche se tutto tuo, attribuendomi idee o suggerimenti che effettivamente ti ho dato, in vita.
Il guaio, o meglio, il pericolo, inizia quando assegni troppo valore alle parole che immagini io dica. Cioè tu credi che io, in qualche modo, ti parli effettivamente, esattamente come succede ora. È una situazione assurda. Sai che non ci sono più ma continui a pensare, in un angolo della tua mente, che io ci sia ancora, o addirittura che possa ritornare. Ne hai avuto bisogno, lo so, sino ad ora, ma devi iniziare ad accettare in modo diverso e maggiormente consapevole quello che è avvenuto.

La vita che abbiamo vissuto assieme è stata un regalo, per entrambi. Io non sono sostituibile per te, e neppure tu lo sei mai stato per me, sino alla fine. Te ne ho dato prove a sufficienza, credo. Ed abbiamo avuto molto. Ora però devi iniziare a staccarti da questa specie di enorme coniglio bianco che stai creando. Prenditi il tuo tempo, non farlo immediatamente e concediti pure tutte le ricadute che vuoi, ma pensaci. È sbagliato insistere come fai. Devi trovarti altri interessi, se quelli che avevi prima non ti bastano, oppure devi riprendere in parte quelli, ed iniziare ad immaginare finalmente la tua vita futura senza di me.

Io non ti lascerò, è chiaro, ma tu devi vivere in modo nuovo, ritrovare i vecchi amici che pensi ti possano essere vicini e utili, e devi cercarne di nuovi, anche se so che è difficile perché tu sei difficile, e servirà tempo. Devi darti uno scopo, meglio se più di uno. Sai fare molte cose, le hai sempre fatte. Per altre sei negato, e quelle le eviterai. Il tempo non so se ti sarà amico, ma il come tu lo userai dipende molto da te, e devi sfruttarlo in modo da averne piacere, sentendoti utile, realizzando un progetto o entrandone a far parte.

Per oggi credo che basti. Io resterò sempre dentro di te, ma devi rispettarmi e non farmi diventare ciò che non sono più. Non ti posso dire quello che ora vorresti che ti dicessi. 
Tu ricordami, solo questo devi fare, sino a quando, piano piano, il dolore diventerà più lieve. Se tu immagini di potermi rendere felice, convinciti che la sola via è questa, altre non ne hai.


                                                                        Silvano C.©  
 (La riproduzione è riservata ma non c'è nessun problema se si cita la fonte, grazie)

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari di sempre

Post più popolari nell'ultimo anno

Post più popolari nell'ultimo mese

Post più popolari nell'ultima settimana